cinque.jpgtre.jpguno.jpg

Storia

 

Ramello è un’azienda agricola situata nel cuore del Parco del Piano di Magadino, nella parte meridionale della Svizzera (Cantone Ticino) solamente ad un centinaio di chilometri dall’aeroporto di Milano Malpensa. La storia del piano di Magadino e quella dell’azienda sono strettamente legate.

La casa colonica fu costruita alla fine del Settecento e rappresenta uno degli edifici più vecchi del Piano.

Nell’Ottocento l’azienda apparteneva ad una famiglia benestante  che costruì le due ali laterali per formare la corte Lombarda.  Fino all’inizio del Novecento gran parte del Piano di Magadino veniva regolarmente inondato dal fiume Ticino e frequenti erano i casi di malaria della popolazione residente.

Nel 1918 COOP (oggi il leader della grande distribuzione in Svizzera) acquistò l’azienda con l’obiettivo di produrre, trasformare e distribuire i prodotti agricoli, principalmente perché durante la 1. Guerra mondiale la Svizzera aveva vissuto una seria carestia.

Nell’ambito della bonifica del Piano di Magadino tra le due guerre mondiali importanti investimenti pubblici di bonifica furono realizzati, con l’edificazione di imponenti opere di arginatura del fiume Ticino e  la costruzione di canali di irrigazione e prosciugamento. Con il famoso Piano Wahlen anche COOP contribuì alla riforma agraria con importanti investimenti in stabili e sistemi di irrigazione.

Nel 1951 Albert Feitknecht senior iniziò la sua carriera di amministratore alle dipendenze di COOP che durò 36 anni, egli appartiene all’esiguo gruppo di pionieri della produzione di mais da seme ibrido in Svizzera. Sotto la sua direzione Ramello divenne un’efficiente e redditizia azienda agricola, basata sulla produzione di sementi ( mais e frumento), produzione di latte con 50 vacche e 60-70 scrofe . 

I grandi cambiamenti della politica agricola svizzera spinsero COOP nel 1987 ad affittare l’azienda ad Ulrico e Rosa , che ritornarono da un’esperienza internazionale di otto anni (Latino America, USA, Zimbabwe e Spagna) per gestire la fattoria.

Dieci anni più tardi COOP decise di vendere l’azienda, cosicché Ulrico e Rosa poterono realizzare il sogno di quattro generazioni di possedere la terra che lavoravano.

Molti cambiamenti avvennero a Ramello nell’ultimo quarto di secolo, nel 1991 fu costruita una porcilaia, questo ci permise di commercializzare i suinetti nel segmento premium (sistema specialmente rispettoso delle esigenze dell’animale e regionale), la produzione di latte negli ultimi 25 anni più che raddoppiò , furono introdotte nuove colture ( riso, patate sotto telo, orzo da malto, soia e lupino). Dalla fine degli anni novanta offriamo un settore agrituristico, particolarmente per gruppi che visitano l’azienda e provano i nostri prodotti. Dal 1990 lavoriamo con il sistema della lavorazione minima o conservazione del suolo in diverse colture. Per due anni (2006-2007) abbiamo munto con il volontary milking system ( robot di mungitura) per diverse ragioni il sistema allora non ha soddisfatto le aspettative.

Nel 2010, assieme ad altri due partner abbiamo realizzato il primo impianto Biogas agricolo in Ticino, questo ci permette di ottimizzare la gestione dei concimi aziendali e ridurre i costi e quantitativi  dei concimi minerali.

 I nostri quattro figli sono tutti attivi nell’agricoltura (Thomas 1982 e Michael 1983 ambedue nati in Zimbabwe, Ana Cristina 1985 nata a Siviglia Spagna e il più giovane Adrian 1988) Thomas lavora parzialmente per Lely milking systems ed è responsabile per la produzione di latte, Michael MSc in agronomia dell’ETH di Zurigo vive a Panama City e lavora per Syngenta Latino America, è sposato con Monica (spagnola) e il 12 gennaio 2015 diventarono genitori di gemelli (Iago ed Emma). Ana Cristina anch’essa MSc in scienze agrarie  dell’ETH vive nella Svizzera Centrale  con il marito Lukas (anch’egli BSc in agronomia) che gestisce un’azienda di conto terzista. Dal gennaio 2014 sono fieri genitori di Max, mentre Adrian (BSc in agronomia) assieme ai genitori e Thomas gestisce l’azienda Ramello.

 

 

 

 

 

 

© Masseria Ramello 2011 - 2016. Credits Ducklin' Sagl